top of page

BONUS PER RISTRUTTURARE CASA

Aggiornamento: 20 apr 2022

Modifiche attese alla Manovra

Bonus per ristrutturare casa

La nuova legge di Bilancio 2022, appena varata, è come da tradizione oggetto di trattative, verifiche e proposte. Allo stato attuale, la situazione dei bonus per ristrutturare casa è la seguente:

  • Netta sforbiciata ai bonus per la casa. In particolare, sono stati previsti due tagli che limiteranno molto il ricorso ai bonus nei prossimi anni: il mancato rinnovo della possibilità di ricorrere a sconto in fattura o cessione del credito, eccezion fatta per i lavori coperti dal Superbonus 110%.

  • Depotenziamento del bonus facciate, che viene prorogato solo per il 2022 e nella misura ridotta del 60%.

  • Il Superbonus, a partire dal 2024 vedrà l’aliquota scendere al 70% e al 65%. È chiaro che a queste condizioni comunque il Superbonus finirà tra due anni perché senza un incentivo importante nessuno deciderà opere che richiedono procedure complesse e requisiti stringenti.

  • Confermato il termine dell’agevolazione Superbonus 110% al 30 giugno 2022 per le case indipendenti.

Gli altri bonus per la casa cosa potrebbe cambiare

Buone notizie potrebbero esserci per chi ha intenzione di effettuare lavori di ristrutturazione in casa I bonus edilizi potrebbero infatti riavere lo sconto in fattura e la cessione del credito (a banche, aziende o anche a un terzo). bonus ristrutturazione tradizionale , «ecobonus» e Sismabonus.

Tutto questo è particolarmente interessante in quanto lo sconto in fattura e cessione del credito hanno il vantaggio di «monetizzare» subito lo sgravio fiscale promesso dallo Stato. Ma comunque bisogna anticipare il costo della ristrutturazione. ciò sembrerebbero per il Superbonus 110% e Bonus facciate molto meno invitanti e convenienti per i proprietari interessati a ristrutturare casa.

Bonus per ristrutturare casa: gli interventi e i bonus previsti

L’obiettivo è ricreare il regime fiscale dei lavori in casa così come era stato previsto per il biennio 2020-21 dal decreto Rilancio dell’anno scorso, che aveva previsto sconto in fattura e cedibilità del credito per interventi di:

  • Recupero del patrimonio edilizio;

  • Efficienza energetica;

  • Misure antisismiche;

  • Recupero o restauro delle facciate (sulla strada);

  • Installazione di impianti fotovoltaici o di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici.

La convenienza degli altri bonus (rispetto al Superbonus 110%)

Ripristinato effettivamente sconto in fattura e cessione del credito, i vecchi bonus di ristrutturazione tornerebbero quindi «di moda». I proprietari avrebbero un doppio vantaggio: dal punto di vista finanziario (incassando subito gli sgravi fiscali) e da quello burocratico, non dovendo sottostare ai limiti e alle complicazioni legate al via libera ai lavori del Superbonus al 110%.

Inoltre, con la riduzione dell’aliquota di spesa rimborsata e con i limiti Isee che la Manovra 2022 dovrebbe introdurre i vantaggi relativi del Superbonus rispetto ai «vecchi» bonus casa, risulterebbero ancor più risicati e discutibili.


31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page