top of page

SPECULAZIONE DEL COMPARTO EDILE: Cessione crediti in blocco


Cessione crediti in blocco
Cessione crediti in blocco

Il comparto edile sta avendo numerose imprese costrette al default per l’impossibilità di cedere i crediti maturati con i bonus, soprattutto perché non riescono a contenere i costi a causa delle condizioni limitanti imposte dai pochi soggetti che dovrebbero rilevare i crediti.


Si richiede attualmente alla politica che faccia la sua parte, predisponendo un piano organico di rilevamento dei crediti maturati, probabilmente attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, a condizioni calmierate e controllate.



Cessione crediti in blocco: cosa fa il governo?


L’ISTAT già ha prodotto dati che certificano i possibili fallimenti di quasi 20mila imprese, se non si interviene in maniera tempestiva.


E come in ogni situazione gravosa c’è sempre chi ne approfitta, già presenti nel web molte realtà che propongono l’acquisto dei crediti con uno sconto pari al 30% o addirittura al 40% del valore nominale del credito.


Questa speculazione sta passando inosservata agli occhi del Governo e Parlamento, i quali hanno preso solo il provvedimento della Quinta Cessione, banche a favore di contribuenti non correntisti con la concessione di prestiti a tasso agevolato.



Cessione crediti in blocco

32 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page